https://issuu.com/terranuovaedizioni/docs/terra-nuova-maggio-2018-sommario/2

 

presso di noi trovi in vendita il mensile per vivere e pensare ecologico:

TERRA NUOVA

LO STAFF DELL'ESSENZA AUGURA BUONE FESTE!

ABBONDANZA E FELICITA'!

Ci piace condividere con voi questa favola per meditare...

 

C’era una volta un piccolo Paese. Nel piccolo Paese c’era un piccolo fornaio che lavorava il giusto, né troppo né poco. E infatti quel giorno lì era di domenica nel piccolo Paese e il piccolo fornaio se ne stata a casa, nella sua piccola casa, insieme alla piccola moglie. Però a un certo punto al piccolo fornaio gli venne voglia di una pagnotta di pane. Disse, ma sì, vado a lavorare un’oretta e mi faccio ‘na bella pagnotta di pane in più per questa piccola domenica. Disse alla moglie “Vado a fare una pagnotta e la riporto a casa per il pranzo”.
Uscì fuori, si mise la strada sotto le scarpe e arrivò al forno, lavorò un’ora e fece ‘na bella pagnotta di pane. Poi uscì dal forno per tornarsene a casa con la sua pagnotta di pane. Lungo la strada incontrò il piccolo salumiere del piccolo Paese, che nonstante fosse domenica, pure lui lavorava. Il piccolo salumiere disse al piccolo fornaio:
“Ma che fai? Ti mangi il pane e basta? Senza companatico? Lo vorresti un po’ di salame?”
“E magari”, gli disse il piccolo fornaio, “ma con che te lo pago?”
“Mi dai la pagnotta di pane e io ti do il salame”, gli disse il piccolo salumiere.
“Ma se ti do la pagnotta di pane, poi io rimango senza pane… solamente col salame”, gli rispose il piccolo fornaio.
“Ma no”, gli disse il piccolo salumiere “Il piccolo Paese è un piccolo Paese capitalista. Si lavora e si produce… e più produci più consumi. Produci e consuma, produci e consuma!”
“Certo!” disse il piccolo fornaio. A quel punto il fornaio parve di capire il discorso e corse al forno, lavorò un’altra ora e tornò nel suo piccolo forno e fece un’altra pagnotta di pane. Lavorò un’altra ora, perciò dopo due ore di lavoro uscì fuori con queste due pagnotte. Una la dette al piccolo salumiere, e il piccolo salumiere in cambio gli dette un piccolo salame. Così adesso tutto contento il piccolo fornaio con il pane e il companatico se ne tornò verso casa.
Però lungo la strada incontrò il piccolo oste, che nonostante fosse domenica pure il piccolo oste quella volta lì lavorava. Il piccolo oste disse al piccolo fornaio:
“Ma che fai? Muri a secco? Mangi pane e salame e non bevi? Non lo vorresti un bel bicchiere di vino? Lo vuoi un fiasco di vino? Te lo do?”
“E magari” gli disse il piccolo fornaio “ma con che te lo pago?”.
“Me lo paghi col pane e col salame che c’hai”.
“E vabè”, gli dice il piccolo fornaio “ma se ti do il pane e salame e mi prendo il vino, io poi c’ho il vino e che ci mangio insieme al vino che ho preso da te?”
“Ma no”, gli disse il piccolo oste “il piccolo Paese è un piccolo Paese capitalista. Bisogna lavorare. Se lavori…produci, e più produci più consumi. Produci e consuma, produci e consuma!”
” E già…”, quel piccolo fornaio si ricordò che l’aveva già sentita ‘sta cosa. Corse al piccolo forno e lavorò altre due ore, fece altre due pagnotte e potè comprare il salame dal salumiere. Quindi col salame e col pane che aveva prodotto prendersi un bel fiasco di vino dall’oste.
E così adesso tutto contento, dopo mezza giornata di lavoro, quella domenica lì nel piccolo Paese, il piccolo fornaio se ne tornò verso casa con il pane, con il salame e con il suo fiasco di vino.
Lungo la strada però incontrò il piccolo sarto del piccolo Paese, che nonostante fosse di domenica pure lui quel giorno di domenica lavorava. Il piccolo sarto fermò il piccolo fornaio e disse:
“Piccolo fornaio, ma che fai? Vedo che sei un benestante, ormai… C’hai da mangiare e da bere, e vai in giro come un barbone? Co’ ‘sti vestiti vecchi, tutti sporchi di farina? Ma lo vorresti un abito nuovo?”
“E magari” disse il piccolo fornaio. “Ma con che te lo pago un abito nuovo?”
“E con che me lo paghi…” disse il piccolo sarto del piccolo Paese “Mi dai pane, salame e un fiasco di vino e io ti faccio un bel vestito nuovo”.
“Ma se ti do pane, salame e un fiasco di vino”, gli disse il piccolo fornaio “senza pranzo che mi mangio io? Vado a casa vestito per bene, ma rimango a stomaco vuoto”
“Ma no”, gli disse il piccolo sarto del piccolo Paese “il piccolo Paese è un piccolo Paese capitalista. Bisogna lavorare. Se lavori…produci, e più produci più consumi. Produci e consuma, produci e consuma!”
“Certo…” disse il piccolo fornaio che sapeva bene come comportarsi. Corse al piccolo forno e lavorò n’altra mezza giornata e dopo quattro ore fece tante pagnotte per poter dare il pane al sarto e potergli anche comprare il vino e il salumiere.
Finalmente, dopo una gionata intera di lavoro e di fatica, stanco ma felice, se ne tornò a casa col vestito pulito. Si mise seduto vestito per bene e cominciò a mangiare il suo pranzo che ormai era diventato una cena.
Appena seduto la moglie disse: “Oh… Sei uscito per fare ‘na pagnotta, dovevi tornare dopo un’oretta e invece sei stato fuori tutto il giorno. Adesso che torni ben vestito e con una cena completa ti mangi tutto da solo. Lo sai che chi mangia da solo se strozza? Dammi almeno un pezzo di pane”.
“No”, rispose il piccolo fornaio “Non ti do un pezzo di pane. Adesso siamo ricchi e tu sei mia moglie e quindi devi avere pure tu la pagnotta di pane e un salame e del vino e un vestito nuovo! Ho lavorato e guadagnato tanto e lavorerò e guadagnerò per tutt’e due. Noi viviamo in un piccolo Paese capitalista. Se lavori…produci, e più produci più consumi. Produci e consuma, produci e consuma!”
E così il piccolo fornaio lasciò tutto quanto e corse a lavorare nel suo piccolo forno. Lavorò tutta la notte e dopo tante ore di lavoro finalmente tornò a casa con la cena fredda e un altro vestito per la moglie. La trovò che dormiva e pure lui, che era stanco morto, si addormentò senza la forza per mangiare.
La mattina appresso non si svegliò. La sera prima era stanco morto, adesso era morto e basta. Cosi la moglie quando si svegliò e lo trovò morto fece una piccola telefonata. Chiamò il piccolo becchino e il piccolo prete del piccolo Paese. “Facciamogli la messa”, disse il piccolo prete. “Facciamogli il funerale”, disse il piccolo becchino.
La vedova sembrava indecisa. “Ma voi siete benestanti”, disse il prete. “C’avete da mangiare e da bere… pane, companatico, vino. Siete vestiti bene”. “Pure noi vogliamo mangiare, bere e vestirci meglio”, aggiunse il becchino.
Cosi la piccola moglie del piccolo fornaio capì e uscì fuori per andare al forno a lavorare. Camminava per strada la piccola moglie intanto vedeva che per le strade del piccolo Paese si muovevano e andavano al lavoro piccoli fornai, piccoli salumieri, piccoli osti, piccoli sarti, piccoli preti e piccoli becchini, piccoli operatori di call center e piccoli cassieri di supermercato, piccoli operai e piccoli impiegati, piccole maestre e piccoli soldati. Tutti correvano al lavoro.
Era un’altra bella giornata nel piccolo Paese capitalista. Intanto la radio trasmetteva una famosa canzonetta. La musica era allegra, il ritornello orecchiabile restava nel cervello. Diceva: “Produci e consuma…”.
“Produci e consuma…”, diceva la televisione.
“Produci e consuma…”, c’era scritto sui giornali.
Produci, consuma e… crepa.

Ascanio Celestini

Malattia e destino

il valore e il messaggio della malattia

di Thorwal Dethlefsen e Rudigher Dahlke

edizioni Mediterranee

euro 15.50

 

breve estratto dal libro:

 

BELLISSIMI CALENDARI A PARTIRE DA EURO 2.90!

PER I TUOI REGALINI PIÙ SIMPATICI!

Cucina Naturale luglio-agosto 2017

è disponibile la rivista che ti aiuta a cucinare con gusto e a rimanere in salute!

 

qui di seguito trovi alcuni degli argomenti trattati in questo numero:

 

Articoli Recenti

Frullato di avocado e banane con olio essenziale di vaniglia

Facili e veloci i frullati di frutta sono una piacevole e fresca fonte di energie e vitamine utili al benessere del nostro organismo. Quello che vi proponiamo oggi è un frullato di frutti esotici freschi che nutrono e idratano la tua pelle, lasciandola vellutata e splendente. Ottimo come colazione o merenda, il frullato di banane e avocado può essere consumato in diversi momenti della giornata e grazie all’estratto di vaniglia, il suo gusto è abbastanza dolce e delicato da soddisfare i palati più difficili. Ingredienti per 500 ml di frullato 3 banane mature biologiche 1 avocado biologico 500 ml di Read More

CD per meditazione e rilassamento

Tre CD per aiutare la meditazione e il rilassamento: MEDITAZIONI E PRATICHE CON L'OM con musica strumentale e vocale Jayadev Jerschky e Peter Treichler euro 12.00 Secondo gli insegnamenti di Paramhansa Yogananda “La guarigione vibrazionale è il più potente di tutti i metodi di guarigione”. APRI IL CHAKRA DEL CUORE tecniche di Yogananda e campane tibetane Jayadev Jerschky e Peter Treichler euro 12.00 È un CD esperienziale con cui praticare, non semplicemente da ascoltare, pensato per tutti coloro che hanno bisogno di una pausa dalle attività quotidiane. È utile per ritrovare la calma, la centratura interiore, l'apertura del cuore, modificare Read More

KI ama BIO - Le grandi offerte del mese di Maggio

APRI IL LINK PER VEDERE IL VOLANTINO E CONOSCERE TUTTE LE OFFERTE DEL MESE DI MAGGIO   https://issuu.com/martabotter4/docs/volantino_ki_ama_bio_maggio_2018 Read More

LE GRANDI OFFERTE CUOREBIO DI MAGGIO

APRI IL LINK PER VEDERE IL VOLANTINO E CONOSCERE TUTTE LE OFFERTE DEL MESE DI MAGGIO   https://www.calameo.com/read/001766751099fe823217a?authid=Mp8S5w8WKqCj Read More

allergie stagionali, come affrontarle?

L’allergia è un’alterata risposta del sistema immunitario che si attiva quando l’organismo viene a contatto con una o più sostanze dell’ambiente esterno, chiamate antigeni (per esempio: polline, polveri, peli di animali, alimenti, composti chimici, metalli, farmaci ecc.), che non creano nessun disturbo alla maggior parte degli altri individui. L’organismo dell’allergico riconosce in tali sostanze estranee un pericolo per la propria integrità e le combatte producendo anticorpi in modo abnorme e dando vita a sintomi principalmente di tipo cutaneo (orticaria, pomfi), respiratorio (asma, rinite), oculare (congiuntivite) e intestinale. Cosa dice la psicosomatica? Read More

GELATINI DI BANANA

con i primi caldi ecco un'idea per una merenda fresca e golosa, un dolcetto di soli tre ingredienti, economico, sfizioso e salutare. ci si può sbizzarrire creando poi nuovi gusti, basta sostituire la crema di nocciole con quella di arachidi o di mandorle, di sesamo ecc. sono facili e veloci da preparare, anche assieme ai vostri bambini e ...spariscono ancora più velocemente! Read More

orto e giardino biodinamico, come difendersi dai parassiti

Per la salute delle piantine nell'orto e nel girdino biodinamico è importante il suolo, ma lo è anche l'ecosistema. L'ambiente e la relazione tra le piante è fondamentale per la salute delle piante stesse. Soprattutto se abbiamo a disposizione uno spazio ristretto occorre aumentare il più possibile la biodiversità ed associare piantine che si sostengono e si aiutano tra loro, come piante che hanno caratteristiche insettifughe. In primavera, estate, può accadere che si noti la presenza di insetti indesiderati e patologie fungine. Read More

TERRA NUOVA - vivi e pensa ecologico!

https://issuu.com/terranuovaedizioni/docs/terra-nuova-maggio-2018-sommario/2   presso di noi trovi in vendita il mensile per vivere e pensare ecologico: TERRA NUOVA Read More

novità puroBIO make up collezione primavera/estate

puroBIO cosmetics nasce dalla voglia di creare prodotti per il make-up naturali biologici made in Italy senza utilizzare ingredienti nocivi per la salute o testati sugli animali.   vieni a vedere e provare le novità primavera/estate: Read More

Linfa di Betulla : rinascita di primavera

La linfa di betulla (Betula pendula,Roth) è una risorsa naturale in forma liquida che in primavera fluisce dalle radici verso la cima degli alberi. Contiene tutti i nutrienti necessari per la cresita degli alberi e per rivitalizzare la pianta dopo i rigori invernali. I paesi nordici la utilizzano da centinaia di anni per le sue straordinarie proprietà. E’ ricca di sali minerali come Calcio, Magnesio, Fosforo e Potassio. Per mantenere le sue proprietà intatte la linfa viene raccolta esclusivamente in un periodo limitato che va dalle tre alle cinque settimane. Read More

Total Neem Protection NOVITA'

"Azadirachta indica" detta anche Neem, albero sempreverde di origine indiana, è stato indicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come uno degli alberi più promettenti del XXI secolo definendolo albero "problem solving". L'olio di Neem spremuto a freddo dai semi della pianta, contiene numerose sostanze attive di cui diversi studi ne hanno dimostrato l'elevato spettro d'azione ed evidenziato le innumerevoli potenziali applicazione per la salute e l'ambiente , senza problemi di resistenza ed effetti collaterali. Grazie alle sue proprietà l'olio di Neem può essere utilizzato per: - allontanare insetti e germi che colpiscono l'uomo - scacciare parassiti ed altri agenti molesti che colpiscono gli animali Read More

Prodotti Del Mese

Newsletter